La ri-penalizzazione del blocco stradale

La ri-penalizzazione del blocco stradale

Il D.L. 4/10/2018 n. 113, c.d. decreto sicurezza, convertito con modifiche dalla L. 1/12/2018 n. 132, nel novellare il comma 1 dell’art. 1 D.Lgs. 22/1/1948 n. 66, recante Norme per assicurare la libera circolazione sulle strade ferrate ed ordinarie e la libera navigazione, ha ri-penalizzato il blocco stradale, in quanto ritenuto lesivo della sicurezza dei trasporti e della libertà di circolazione.

Infatti, le condotte consistenti: 

– nel deporre o abbandonare congegni o altri oggetti di qualsiasi specie in una strada ordinaria;

– nell’ostruire o ingombrare, in qualunque modo, una strada ordinaria; 

comportano la pena della reclusione da 1 a 6 anni – già prevista per il delitto di blocco ferroviario.

La previsione consente il ritorno al testo previgente alla depenalizzazione recata, vent’anni prima, dal D.Lgs. 507/1999.

Per “strada ordinaria” deve intendersi la “strada”, definita dall’art. 2 c. 1 C.d.S., come «l’area ad uso pubblico destinata alla circolazione dei pedoni, dei veicoli e degli animali». 

Trattasi di delitto che richiede l’elemento soggettivo del dolo specifico, “al fine di impedire od ostacolare la libera circolazione”. 

Ne deriva che la semplice sosta irregolare, o l’abbandono del veicolo sulla strada, rimangono illeciti amministrativi, se la condotta non sia finalizzata a impedire la circolazione degli altri veicoli.  

Ai sensi del comma 3, la pena è raddoppiata per il fatto commesso da più persone, anche non riunite, ovvero usando violenza o minaccia alle persone o violenza sulle cose – ferma restando l’integrazione in concorso delle ulteriori fattispecie di reato, quali lesioni o violenza privata, in quanto aventi diversa oggettività giuridica.   

Trattandosi di delitto non colposo i cui limiti edittali rientrano in quelli previsti dal comma 1 dell’art. 381 c.p.p., è consentita – previa valutazione della gravità del fatto o della pericolosità del soggetto – la misura precautelare dell’arresto facoltativo in flagranza.  

Inoltre, ai sensi del comma 4 dell’art. 213 C.d.S. – anch’esso novellato dal D.L. 113/2018 – il veicolo strumentalmente adoperato per commettere il reato di blocco stradale, indipendentemente dal fatto che il conducente sia maggiorenne o minorenne, può essere oggetto di sequestro finalizzato alla confisca, secondo la procedura individuata dal codice della strada.   

Tuttavia, ai sensi dell’art. 1-bis, completamente riscritto, la condotta di chi impedisce la libera circolazione su una strada ordinaria mediante ostruzione “con il proprio corpo” – si pensi alla mera resistenza passiva della persona che si colloca sulla strada – rimane illecito amministrativo.

Ovviamente, restano configurabili gli eventuali reati di resistenza o violenza a pubblico ufficiale (art. 336 e 337 c.p.), o di interruzione di pubblico servizio (art. 340 c.p.). 

Il nuovo illecito è punito, secondo le regole procedurali scandite dalla L. 689/1981, con la sanzione amministrativa pecuniaria da 1.000 a 4.000 euro, per la quale oggi, a differenza del passato, è ammesso il pagamento in misura ridotta. 

La medesima sanzione si applica ai promotori e organizzatori di eventuali manifestazioni tese a impedire la libera circolazione sulla strada. 

La disposizione, che introduce un’autonoma responsabilità, sembra prendere le mosse dall’aggravante speciale di cui al comma 2 dell’art. 340 c.p., ma non determina alcun aumento del carico sanzionatorio rispetto alla condotta del semplice partecipante. 

Avv. Fabio Piccioni
del Foro di Firenze

[av_heading heading=’ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER’ tag=’h3′ link_apply=” link=’manually,http://’ link_target=” style=’blockquote modern-quote’ size=” subheading_active=’subheading_above’ subheading_size=’15’ margin=” padding=’10’ color=” custom_font=” custom_class=” id=” admin_preview_bg=” av-desktop-hide=” av-medium-hide=” av-small-hide=” av-mini-hide=” av-medium-font-size-title=” av-small-font-size-title=” av-mini-font-size-title=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=”]
Ricevi i nostri nuovi articoli direttamente nella tua E-Mail

[av_mailchimp list=’69699d0904′ on_send=” sent=’Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter!’ link=’manually,http://’ color=” hide_labels=’aviaTBhide_labels’ id=” custom_class=” av_uid=’av-kinf8qfg’]

ASSOCIAZIONE POLIZIA LOCALE D'ITALIA © 2019 – All Rights Reserved.